Fontana dedicata ai caduti della Prima Guerra Mondiale – piazza Bausan

 
piazzabausan015
Storia –  Caratteristiche tecniche – Vincoli – Progetto – Visite

 Storia
Il cuore della Bovisa è sempre stato la piazza Bausan: all’inizio degli anni del 1900 era un quartiere isolato, si raggiungeva con una strada sterrata a partire da piazza Nigra; la strada attraversava una zona di campi.

Venne deciso da parte del Comune per una riqualificazione dell’area di realizzare una  fontana  per commemorare i caduti della Prima Guerra Mondiale.
 Sull’orlo del tamburo vi sono incisi i seguenti versi di D’Annunzio:

“FONTANA PIA, LA TUA VOCE QUIETA IN MURMURE PERENNE CI RACCONTA STORIE DEL PIAVE, STORIE DELL’ISONZO. ESSA E’ LA VOCE DEI NOSTRI MORTI CHE GIAMMAI SI ESTINGUE”.

La fontana ha un aspetto esuberante rispetto all’ambiente circostante, svolgendo anche una funzione di spartitraffico, considerando che si trova sopra un rialzo coronato da aiuole e con gradoni di accesso.

Caratteristiche tecniche

Essa è costituita da un tamburo di forma ottagonale, con un’anfora scolpita in rilievo su ogni lato, sormontata da un corpo centrale dalla cui sommità fuoriescono otto zampilli d’acqua, riversatisi nel bacino del tamburo; da qui attraverso otto cannelle situate sul collo di ogni anfora, ricade in una vasca anulare, posta alla sua base, con otto sfere di pietra dislocate lungo il perimetro del suo bordo.

 Vincoli

Vincolata dalla Sopraintendenza ai Beni Architettonici.

 Progetto

Costruita nel 1928

Visite ed informazioni

La fontana posizionata nel centro della piazza è sempre visitabile. Le foto sono state aggiornate al 2017.